+39 348 4814089
Per info e preventivi
Il Tuo Carrello Acquisti è vuoto.

Carlo Riccardi

Carlo Riccardi

  • 04 Maggio, 2020
  • Nessun commento
  • Redazione Archivioriccardi

Carlo Riccardi (1926) è il primo vero paparazzo della “Dolce Vita”. Amico di Ennio Flaiano, Federico Fellini e Totò, ha raccolto in un grande archivio settant’anni di Storia italiana.

Nasce il 3 ottobre 1926 ad Olevano Romano. Terzo di otto figli, si trasferisce nel 1932 con la famiglia a Roma. Da giovanissimo lavora come ritoccatore in uno studio di foto-pittura.

FOTOGRAFIA

Il 1940 è l’anno della svolta professionale e l’inizio del suo percorso artistico come fotografo, infatti in quegli anni, conosce Saro Mirabella, amico e conterraneo del pittore Renato Guttuso; è in quegli studi e in quella atmosfera che comincia a scattare le sue prime foto.

Si appassiona alla fotografia e Roma, palcoscenico particolarmente ricco di occasioni, presenze e situazioni, gli offre tutti gli spunti; è il periodo dei primi anni della Repubblica, del boom economico, del neorealismo, delle grandi produzioni hollywoodiane, della “Dolce Vita”.

Carlo Riccardi quegli anni li vive da protagonista fotografando tutti i personaggi famosi che sono passati per la città eterna: artisti, intellettuali, attori, re e regine.

E lì in Via Veneto, Via Condotti, Piazza di Spagna, comincia l’avventura del primo vero paparazzo della Dolce Vita ma anche della documentazione di un’epoca.

Sempre negli anni 50 apre la Galleria “Le scalette rosse” (ora Spazio5, in via Crescenzio 99/d a Roma www.spazio5.com) e crea la rivista “Vip”.

Nel 1951, lavora per “Il Giornale d’Italia” e l’anno successivo per “Il Tempo”. Riccardi può essere definito oltre che “l’uomo della camera oscura”, anche “l’uomo dei sei Papi”, in quanto, la sua maestria come fotoreporter lo ha portato ad immortalare sulla pellicola fotografica una esclusiva successione papale, da Pio XII a Paolo VI e Giovanni XXIII, da Papa Luciani fino a Giovanni Paolo II a Benedetto XVI.

PITTURA

Carlo Riccardi non è solo fotografo, è anche il pittore che non si concede alla tela soltanto per hobby ma con la stessa passione e lo stesso entusiasmo con cui scatta le sue foto.

Nel 1978, dopo l’elezione di Papa Wojtyla, Riccardi dipinge 25 quadri aventi per soggetto paesaggi e città polacche, quadri esposti in seguito nella chiesa romana di San Pio V, con la mostra ” Cattedrali a Cracovia, omaggio al Papa”, inaugurata dallo stesso pontefice.

Particolarmente attento ai problemi sociali Riccardi viene nominato Segretario Generale del Sindacato degli Artisti aderenti alla CISL, carica che mantiene per quasi dieci anni.

Nell’estate del 1986 Riccardi “incravatta” abusivamente con una tela lunga 100 metri, raffigurante gli aspetti più emblematici di Roma, l’obelisco di Piazza del Popolo.

La “performance” dura solo poche ore perché i vigili urbani lo obbligano a rimuovere il suo capolavoro per mancanza di visti e autorizzazione.

Nell’estate del 1987 Riccardi è protagonista di una originale iniziativa che realizza, con il patrocinio della Regione Lazio.

Percorre 5000 chilometri per “incravattare” e “fasciare” con maxitele di 100-200-300 metri, rappresentanti in chiave essenzialmente lirica e non descrittiva aspetti e scorci di paesi, paesaggi e antichi monumenti di tutta Italia per richiamare l’attenzione alla responsabilità di tutti nei confronti della conservazione del patrimonio artistico.

PUBBLICAZIONI

Nel 2014 ha pubblicato, curandolo personalmente, il libro fotografico Sophia Loren – Se mi dice bene (Armando, 2014) in omaggio agli 80 anni della grande attrice.

Le foto di Carlo Riccardi vengono utilizzate costantemente per raccontare la Storia d’Italia: negli ultimi anni sono stati pubblicati: “I tanti Pasolini” (Armando, 2015), “Gli anni d’oro del Premio Strega” (Ponte Sisto, 2016), “Il popolo della Repubblica” (AGR, 2017), “Aldo Moro. Memoria Politica Democrazia” (AGR, 2018), “Italia al Voto. Quando il web era la strada” (AGR, 2019), “Vittorio Bachelet. Gli anni 70 tra speranze e disillusioni” (Poligrafico dello Stato, 2020).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *