LO SLIDESHOW SI AVVIA AUTOMATICAMENTE. PER METTERE IN PAUSA POSIZIONARE IL CURSORE SOPRA LE IMMAGINI.

Il 28 maggio 1979, la cerimonia della firma del trattato di adesione della Grecia alle Comunità europee ebbe luogo Nella foto di gruppo, alla fine della cerimonia (in prima fila da sinistra a destra) Wilfried Martens, Roy Jenkins, nello Zappeion di Atene. Jean François-Poncet, (tra le prime due file), Gaston Thorn, Valéry Giscard d'Estaing, Konstantinos Karamanlis, John Lynch e Giulio Andreotti; (in seconda fila da sinistra a destra) Georgios Rallis, Michael O'Kennedy, Henri Simonet, Pierre Bernard-Reymond, Christoph van der Klaauw, Niels Anker Kofoed, Hans-Dietrich Genscher, Lord Carrington, Helmut Sigrist e Donald Maitland; (in terza fila da sinistra a destra) Luc de La Barre de Nanteuil, Jean Dondelinger, Joseph van der Meulen, Gunnar Riberholdt, Jan Hendrik Lubbers, Brendan Dillon, Eugenio Plaja e 60 - L'Europa Unita e i suoi protagonisti Adolfo Battaglia; (sullo sfondo, al centro) Lorenzo Natali.
European Communities, 1979 – Source: EC Audiovisual Service – Photo: Jean-Louis Debaize
Il 12 giugno 1985, firma del trattato di adesione della Spagna; Fernando Morán López, Ministro degli affari esteri spagnolo, Felipe González Márquez, Primo Ministro spagnolo, al tavolo della firma, Gabriel Ferrán de Alfaro, Rappresentante permanente spagnolo presso la CE, Manuel Marín, Segretario di Stato spagnolo incaricato della Relazioni con le Comunità europee.
© European Communities, 1985 – Source: EC Audiovisual Service – Photo: Christian Lambiotte
La firma del trattato di adesione del Portogallo; Mário Soares, Primo Ministro portoghese, Rui Machete, Vice Primo Ministro portoghese, e Jaime Gama, Ministro portoghese degli Affari esteri, al tavolo della firma da sinistra a destra. Sullo sfondo Giulio Andreotti.
© European Communities, 1985 – Source: EC Audiovisual Service – Photo: Christian Lambiotte
Helmut Kohl, sul podio, durante una sessione plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo il 22 novembre 1989, pochi giorni dopo la caduta del muro di Berlino.
© European Communities, 1989 – Source: EC Audiovisual Service
Il 9 novembre 1989 i berlinesi festeggiano in cima al muro mentre i tedeschi dell'est si riversano attraverso il muro abbattuto nella Berlino occidentale a Potsdamer Platz.
© Associated Press, 1998 – Source: EC Audiovisual Service – Photo: Lionel Cironneau
A sinistra l'auditorium della cerimonia per la firma del trattato di Maastricht il 7 febbraio 1992; discorso di Aníbal Cavaco Silva, primo ministro portoghese e presidente in carica del Consiglio, in piedi sul podio, alla presenza dei ministri firmatari del trattato; seduto in prima fila da sinistra a destra: Mark Eyskens, Philippe Maystadt, Uffe Ellemann-Jensen, Anders Fogh Rasmussen, Hans- Dietrich Genscher, Theo Waigel, Antonis Samaras, Efthymios Christodoulou, Francisco Fernández Ordoñez, Carlos Solchaga Catalan, Roland Dumas e Pierre Bérégovoy; Seduti nella seconda da destra a sinistra: Francis Maude Douglas, Jorge Braga de Macedo, João de Deus Pinheiro, Wim Kok, Hans van den Broek, Jean-Claude Juncker, Jacques Poos, Guido Carli, Gianni De Michelis, Bertie Ahern e Gerard Collins.
© European Communities, 1992 – Source: EC Audiovisual Service – Photo: Christian Lambiotte
Gianni De Michelis e Guido Carli firmano il trattato di Maastricht a nome dell'Italia.
© European Communities, 1992 – Source: EC Audiovisual Service – Photo: Christian Lambiotte

Nel 1981 la Grecia diventa il decimo Stato membro dell’UE, mentre il Portogallo e la Spagna aderiscono all’UE cinque anni dopo.

Esattamente il 12 giugno 1985 sono stati firmati i trattati di adesione alle Comunità europee del Portogallo e della Spagna a Lisbona e Madrid. Il 1 ° gennaio 1986 l’adesione di entrambi i paesi è diventata effettiva.

Sempre nel 1986 viene firmato l’Atto unico europeo, che pone le basi per un ampio programma di sei anni finalizzato a risolvere i problemi che ancora ostacolano la fluidità degli scambi tra gli Stati membri dell’UE e crea così il “Mercato unico”.

Si produce un grande sconvolgimento politico quando, il 9 novembre 1989, viene abbattuto il muro di Berlino e, per la prima volta dopo 28 anni, si aprono le frontiere tra Germania Est e Germania Ovest. 

L’assetto politico del continente subisce una radicale trasformazione con la caduta del muro di Berlino nel 1989, la riunificazione tedesca nell’ottobre 1990, la democratizzazione dei paesi dell’Europa centrale

e orientale liberatisi dal controllo sovietico e l’implosione dell’Unione sovietica nel dicembre 1991.

Gli Stati membri aprono i negoziati per elaborare un nuovo trattato sull’Unione europea che il Consiglio europeo, composto da capi di Stato o di governo, adotta a Maastricht nel dicembre 1991. 

Integrando nel sistema comunitario esistente un regime di cooperazione intergovernativa per alcuni settori (quali, ad esempio, la politica estera e la sicurezza interna), il nuovo trattato crea l’Unione europea (UE). 

Il trattato entra in vigore il 10 novembre 1993.