Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini

Pierpaolo Pasolini nacque a Bologna il 5 marzo del 1922. Un anno di importanza storica per il nostro Paese, in quanto il 30 ottobre del 1922 Benito Mussolini prende il potere ed inizia il periodo noto come il ventennio fascista.

Figlio di un ufficiale di fanteria, Carlo Alberto Pasolini, e di una maestra elementare, Susanna Colussi, ebbe un’infanzia segnata da trasferimenti di città continui, per via del lavoro del padre.

Dopo avere frequentato il liceo, nel 1939 si iscrisse in Lettere all’università di Bologna.

Con lo scoppio della seconda guerra mondiale inizia un periodo socialmente complesso che si ripercuote anche sulla vita di Pasolini, il quale l’8 settembre del 1943, con la firma dell’armistizio da parte del generale Badoglio, scappa dal servizio di leva e ritorna a Casarsa, dalla madre.

Nella primavera del 1945 apprese la notizia della morte del fratello Guido, più giovane di lui di tre anni.

Trova la forza per concludere il suo corso di studi universitari nonostante la complessità del momento e, subito dopo l’estate del 1945, si laurea presentando la tesi con il titolo di “Antologia della lirica pascoliniana (introduzione e commenti)”. Subito dopo, nel 1947, inizia la collaborazione con il settimanale del Pci “Lotta e lavoro”. Successivamente fu espulso dal Pci a seguito di un coinvolgimento giudiziario che lo vide protagonista, perse anche il lavoro di insegnante. Questa fu la spinta che lo portò ad allontanarsi dalla sua Casarsa ed andare a vivere a Roma con la madre. I primi anni nella capitale sono molto complessi a causa della proiezione in una realtà totalmente nuova e inedita rispetto alla vita che aveva condotto sino a quel momento.

Fra le sue maggiori produzioni si ricordano il romanzo di successo “Ragazzi di vita”, pubblicato da Garzanti nel 1955; “Accattone”, il film che realizzò nel 1961 e che venne vietato ai minori di diciotto anni, facendo scoppiare polemiche alla XXII Mostra del Cinema di Venezia; Nel 1962 esce il quarto episodio del film RoGoPaG, per il quale si aprirà un procedimento giudiziario per vilipendio alla religione di Stato; nel 1964 dirige "Il vangelo secondo Matteo"; nel 1965, invece, esce "Uccellacci e Uccellini", per poi dirigere, nel 1967, "Edipo re"; il 1968 è la volta di "Teorema", mentre nel 1969 di "Porcile"; nel 1970 "Medea"; seguirono “Il Decameron”; "I racconti di Canterbury; "Il fiore delle mille e una notte" e “Salò o le 120 giornate di Sodoma”

Pasolini venne trovato morto la mattina del 2 novembre del 1975 all’Idroscalo di Ostia, sul litorale romano. Il corpo martoriato venne notato da una donna che avvisò immediatamente la polizia. Nelle ore successive venne arrestato un ragazzo che confesso l’omicidio causato da un approccio sessuale non voluto dal ragazzo e dalla reazione violenta che avrebbe avuto Pasolini , ma durante il procedimento emersero dei dettagli inquietanti mai totalmente risolti.

 

  • Pier Paolo Pasolini - 1960 -Premio Strega con Laura Betti ed Alberto Moravia- 026
  • Visite: 1926
  • Pier Paolo Pasolini - 1963 - in Tribunale con Laura Betti - 067
  • Visite: 1009
  • Pier Paolo Pasolini - 1960 -set de Il Gobbo - 017
  • Visite: 1290
  • Pier Paolo Pasolini - 1965 - Premio Strega con Paolo Volponi - 099
  • Visite: 1054
  • Pier Paolo Pasolini - 1963 - in Tribunale con Laura Betti - 072
  • Visite: 996
  • Pier Paolo Pasolini - 1970 - all\'aeroporto con Maria Callas - 108
  • Visite: 1207

Joomla SEF URLs by Artio